E’ FALSO che la riapertura di Taverna del Re è stata concordata con il comitati!

E’ FALSO che la riapertura di Taverna del Re è stata concordata con il comitati!L’Assemblea del Presidio Permanente di Taverna del Re, esprime viva condanna per la vendita del territorio di Giugliano messa in atto dal Sindaco Giovanni Pianese. Quest’ultimo, tradendo la sua città e i suoi cittadini, ha concordato la scellerata riapertura del mostro di Taverna del Re, con le stesse autorità per l’emergenza rifiuti che da anni disattendono ogni impegno preso.

Non solo, ma nel protocollo d’intesa si cita anche l’ipotesi di utilizzare il nostro territorio per un sito di smaltimento del percolato e di una discarica per la captazione di biogas, oltre a prevedere altro esproprio di terreno. Mentre tutta l’ Italia e innumerevoli Parlamentari di destra e di sinistra hanno, in questi mesi, riconosciuto l’assurdità di Taverna del Re, il nostro primo cittadino ci ha venduto per calcoli di bassa lega. Ancor più grave è il tentativo di far passare questo accordo come condiviso da fantomatici comitati presenti alle trattative. Chi fosse mai stato presente alle stesse non poteva che agire esclusivamente per conto suo, rappresentando solo se stesso e prestandosi ad un’operazione quantomeno ambigua. Cosi ridicole sono le contropartite ottenute che è decisamente offensivo volerle far passare come vittorie: “la chiusura definitiva” già promessa innumerevoli volte, un ristoro previsto, comunque, per ogni tipo di discarica e una promessa di bonifica con soldi già stanziati da tempo e mai utilizzati. Non è possibile, inoltre, considerare il rifacimento delle rete fognaria ed idrica come diritti che il nostro territorio deve scambiare con un ulteriore ampliamento del sito di stoccaggio. Le responsabilità del Sindaco Pianese appaiono ancor più gravi in considerazione del fatto che non aprendo, come in suo potere, un sito di trasferenza per i rifiuti comunali, ha fatto si che la città fosse piena di spazzatura millantando così la scelta di far aprire Taverna del Re con la necessità di liberare le strade dai rifiuti. Trucchi e giochetti che ormai ben conosciamo ma che non avremmo mai voluto vedere messi in atto dal Sindaco della nostra città.Opporremo tutta la nostra resistenza democratica contro queste scelte. Invitamo tutta la popolazione, le associazioni, le strutture politiche di maggioranza ed opposizione a denunciare e protestare contro chi ci considera la pattumiera della Campania e ci tratta da cittadini di secondo ordine. Presidio Permanente di Taverna del Re

Source: http://www.singinst.org.au

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>